22 dicembre: la storia di fiducia di Smaisoli
22 Dic 2017

22 dicembre: la storia di fiducia di Smaisoli

 

Il rapporto che abbiamo con la fiducia è spesso legato ad un nostro desiderio. In ambito associativo questo desiderio si traduce con la voglia di aiutare gli altri, chi è stato meno fortunato noi .

È un aspetto fondamentale per qualsiasi associazione e dovrebbe rappresentare il principale obbiettivo di qualsiasi direttivo/management di una onlus.

Conquistare e meritare la fiducia dei donatori e soprattutto non deluderla, non deludere le attese . Quando mi sono avvicinato al mondo delle onlus ho pensato che questo concetto fosse fondamentale, in quanto personalmente ho visto più volte disattesa la fiducia che ho risposto in altre persone.

Per questo ho condiviso questa riflessione con i miei compagni di viaggio e abbiamo deciso che davanti alla onlus ci dovessero essere le nostre “facce”.

Metterci la faccia, rappresentava l’unico modo per meritarsi la fiducia di chi ci aiuta e sarebbe servito come monito quotidiano nel nostro operato basato sulla trasparenza, con serietà e rispetto.

Andrea Menni, presidente di Smaisoli Onlus

Andrea Menni è il co-fondatore di Smaisoli, onlus nata con l’obiettivo di fornire supporto concreto alle famiglie dei bambini malati di atrofia muscolare spinale.

L’incontro tra Andrea e Pasquale Quagliano, entrambi genitori di bambini affetti da SMA, segna l’inizio di un nuovo progetto.
È il 2012 e subito un grande feeling contraddistingue il loro rapporto. Il loro obiettivo è di migliorare la qualità di vita delle famiglie come loro.

Troppo spesso al dramma della malattia si associano altre grosse difficoltà della vita quotidiana, sia da un punto di vista economico, sia per le deficienze del sistema sanitario nazionale.

La costituzione dell’associazione ha come fulcro l’aiuto economico alle famiglie e il sostegno alle difficoltà quotidiana.

I progetti di Smaisoli per le famigilie

Daily cares è il progetto che riguarda il sostegno alle famiglie con bambini affetti da SMA in difficoltà economica e copre:

  • costi per ricoveri d’urgenza o programmati;
  • assistenza specialistica non rimborsata dal servizio sanitario;
  • acquisto diretto di macchinari, presidi, materiali non rimborsati dal servizio sanitario;
  • condivisione di progetti specifici per l’assistenza specialistica avvalendosi anche di consulenti internazionali, esperti nella malattia.

Take a cares è invece il progetto che offre agli iscritti 2 polizze collettive che hanno come beneficiari i soci e i loro nuclei familiari:

  • nella prima protegge i genitori con 2 garanzie ( una ciascuno ) temporanee caso morte;
  • con la seconda protegge tutto il nucleo familiare con una polizza RC Capofamiglia per i danni arrecati a terzi.

 

Il sito di Smaisoli | La pagina FB

 

Lascia un commento